“Chiammateme Isaia”: e no Ismaele.
‘O fatto, tutt’a gente ‘o sape già:
int’a sta notte amara comme ‘o fele
truvajmo a Zaza, invece di Zazà.

Pogby Dick, ‘a balena bianc(oner)a,
ca ce pareva meza addurmentata
cu nu colpett’e cora, a fine sera
a Sarri/Achab, na gamba l’ha strappata.

‘O messaggio, creriteme, è uno sulo,
e si riassume molto facilmente:
chi già è putente, tene pure culo.
Na’ Juventus c’accocchia poco e niente

-sulamente Cuadrado sta scetato –
‘o gol ‘o trova, su deviazione:
e ‘o Napule, ca manco ha entusiasmato,
se perde na grandissima occasione.

Incazzarse, alluccare? Se po’ fà:
ce luvajno ‘a purpetta ‘a dint’o piatto…
però alla fine è meglio a ragiunà.
Pe’ cominciare, amma penzà nu fatto:

pure si tu t’a piglie colla sciorta,
e c’o destino, ca t’ha fatto fesso,
si na partita è in bilico, è ‘o chiù forte
chillo ca vence: sempe no, ma spesso.
Sta regola ce piace: ce cunzola.
Stavota è ghiuta male ai nostri eroi:
però ampresso – pigliatemi in parola –
chesta “furtuna” arriva pure a noi!

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!