Triste, pesante, tragica e impietosa:
overamente brutta, sta jurnata.
Nisciuno s’aspettava chesta cosa,
chesta scunfitta non preventivata.

‘O primmo tiempo avimmo dominato,
ma si se sbaglia, nun ce stanno santi:
e accussì la difesa ‘a rialato
‘a libertà e c’offennnere a Diamanti.

Doppo tanta occasione e tanta sbaglie,
alla ripresa ‘ e forze so’ fernute:
se ferma ‘o ciuccio, mò fa sulo raglie.
Diecimila tifose(!), zitte e mute

vestut’azzurre, in faccia assaje chiù scure,
esceno a testa bassa d‘o Dall’Ara.
Ca se venceva, steveno sicure,
e sta certezza l’è custata cara.

Turnarranno in città ca sarrà notte,
tristi, comme chi è andato a un funerale.
Al termine, sul campo, pur’e botte:
guagliò, ma che fantastico finale!

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!