Scrive  all’indietro “Lecce”, e vene “Eccel”:
se sape c’o linguaggio è straordinario.
A fronte a l’eccel/lenza, è il suo contrario
‘o Lecce (l’ecce/zione è stu Muriel).

Primm’e partì pe ghì a Villarreal(e)
‘e sta partita ‘o Napule è cuntento:
facettemo nu bell’allenamento,
passagge e tiri in villa Comunal(e).

Overo è formidabbile, Lavezzi,
ca int’a mezora spacca la partita:
è appena accummenciata, e già è finita,
pecchè ‘o Lecce se scassa, e  perde i pezzi.

Pure si chesta vota nun va a rete,
pe meza soja, ‘o Pan de’v incitori
ce fa pruvà ‘e chiù splendidi sapori;
ce fa passà chella tremenda sete

‘e vittoria, che ormaje da chiù ‘e nu mese
ce turmentava, dint’o campiunato.
Lecce bello, pe comme staje ‘nguaiato
pe’ forza, contr’ a nuje ce pav’e spese…

Int’o finale revedimmo a Grava.
Mancava quas’a n’anno: tanti auguri!,
pare ca so’ fernuti  i tempi scuri.
“Guagliò, si’ gruosso”, ‘o pubblico alluccava.

Mò è venuto ‘o mumento: tutti in Spagna,
o in persona, o da ccà, co’ tutt’o core.
Mancì, t’avimma dà chistu dolore:
te vene ‘o mal’e panza, e l’emicragna!

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!