‘E rossoneri mò so’ sulo rossi,
pe’ sta granne emozione d’o scudetto:
Berlusconi e Galliani so’ commossi,
e Allegri sta chiagnenno a rubinetto.

‘E nerazzurre mò so sulo nire:
penzavan’e bissà l’anno passato,
ma ch’è succieso? E’ facile a capire:
Mourinho l’ha spremute, e se n’è andato.

Sulo l’azzurre restano se stessi:
azzurri primma e doppo, ‘a rinto, e a fore,
dopp’a n’anno ‘nzeppato di successi,
grazie a Mazzarri, a Aurelio, e ‘e jucatore.

‘A Coppa Europa a nuje ce steva stretta:
vulevem’arrivà sempe chiù in alto,
e ce simme riuscite molto in fretta:
dall’Europa alla Champions, è nu salto.

Ma è meglio all’evità, stu quarto posto.
A nuje ce piacciono, ‘e preliminare,
ma si avimme sta’ in forma in pieno agosto,
rischiammo, in primavera, di scoppiare….

Intanto, ‘o core nuosto è già schiuppato,
ma no p’o sfuorzo: p’a felicità.
Si ‘o Napule venceva ‘o campiunato,
né, ma chi ‘a manteneva, a sta città?

Chest’er ‘o bello: mò venimmo ‘o brutto.
Si ‘e cose fino a cà so’ ghiute bone,
stu pomeriggio ammo sbagliato tutto:
chesta di Lecce è stata l’ecce/zione.

Cavani, ch’è sparito a chiù ‘e nu mese,
interviene da dietro: un brutto fallo,
quanno loro oramaje so’ quase arrese:
e giustamente, arriva n’atu giallo.

Quann’è all’ultimo, ‘o Lecce ce fà ‘o pacco:
chesta, pe nuje, è na brutta nuvità.
Contr’all’Inter se gioca senza attacco:
Napule, propio mò te vuò fermà?

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!