Azzurri: doje sconfitte in sette juorne,
tutt’e doje c’o medesimo punteggio.
Napule: tutt’e vote ca ce tuorne
a Palermo, fernesce sempe peggio…

Pure stavota jettemo in vantaggio:
su fall’e mano, calcio di rigore
indiscutibbile: un gentile omaggio
‘e nu loro imbranato jucatore.

Pe n’atu ppoco, ‘o Napule cuntrolla,
e fa pure apprezzabbile jucate:
ma po’ se chiure, ed alla fine crolla.
‘E rosanero attaccano a folate,

e ‘a difesa, assai fraggile, nun regge.
Due a uno, e ‘o punteggio tale resta.
‘O Barbera l’ha ditto: “Chest’è ‘a legge:
pure chest’ata vota, è qui la festa!”

Pe’ forza! Hanno durmuto tutto l’anno,
e sul’a poco, né, se so’ scetate.
Nuje tiramm’a carretta quase a n’anno,
mentre loro so’ fresche e ripusate….

E’ proprio comm’a vita, ‘o campionato.
Pe’ quanto curre, sbatte, scinne o sale,
te  mette ‘o posto ca t’è mmeretato.
T’o dice chiaro chiaro: “chesto vale”.

Nuje forse stammo un poco troppo in alto:
chiù ‘e chello ca valimmo (forse). E allora?
Nunn’o vulimmo fa, stu granne  salto?
Napule, doppo Pasca è festa ancora!

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!