Sempe, oramaje, negli ultimi minuti
‘o Napule ‘a tirato ‘e meglie frecce.
Palla a Cavani, e gol: tanti saluti!
‘O Cagliari, ‘o Palermo, e mò stu Lecce

nell’extra-time l’avimme castigate,
e ‘a Steaua subette ‘a stessa sorte,
pecchè jucammo sempe assatanate,
e nun mullammo maje: piuttosto ‘a morte!

Nun s’era misa buono, sta jurnata.
‘A squadra nosta è propio na semmenza,
senza Lavezzi, ‘a punta chiù affilata,
e – ce credite? – si nun c’è Pazienza…

Ncopp’o campo la squadra pare stanca.
Doppo l’impresa ch’e rumene in Coppa
nun ghiammo chiù all’assalto all’arma bianca:
‘a fatica se sente, è stata troppa.

N’apprufittan’e figlie d’o Salento.
‘O Lecce, ch’è guidato in modo egreggio,
chiù passa ‘o tiempo, chiù se fa cuntento;
già s’o sente int’a sacca, stu pareggio.

E a mumente – gnorsì! – quase signava
int’a disperazione generale:
ncopp’a linea ce salva santu Grava.
Ma se sape c’a vita è fatta scale:

chi nun saglie, fernesce ca po’ scenne.
Cavani fa nu gol sensazionale,
e ‘o Lecce se disintegra, s’arrenne.
Napule mio, che mazzo: buon Natale!

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=Mrr2ZqRAyiM[/youtube]

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!