I che pietà, stu povero Bologna!
Fischiano, ‘e spettatore d’o Dall’Ara:
hanno passato na jurnata amara,
e mò, pe tutte quante, sai che rogna!

‘O Napule all’inizio nun s’allanza.
Assieme a Zalayeta sta Pià,
ca se sbatte, ma però nun c’a fa,
e p’e tifose so dulure ‘e panza.

‘O tiempo passa, corre assaje veloce.
Nun meritammo applause, e manco fischie.
‘A difesa nun corre quase rischie,
nun fa cazzate manco Santacroce.

Ma che partita ‘e fatto, oi Montervino!
Tu, che si tale a quale a Biagio Izzo
curriste annanz e areto, ad ogne pizzo,
e tuccaste ‘o pallone pur’e fino!

Alla fine ‘e doje squadre stanno stanche.
C’accuntentammo pure ‘e nu pareggio:
cu meza squadra, è un risultato egreggio.
Ma Reja nel finale mette ‘o Tanque,

cu Gargano e Russotto. E cagna tutto:
comm’a na sfogliatella ‘e pasta frolla
‘o Bologna se spogna, e doppo crolla.
Benfica, giovedì te vieste a lutto!

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!