Girone di ritorno. Amm’incontrato
primm’o Cagliari, e doppo l’Udinese:
c’o primmo ancora c’amme fatte ‘e spese,
‘o siconno fu ancora castigato.

Dunque, amma stà tranquille. Niente pressa:
da agosto tanta mise so’passate,
però so’ sempe eguale, ‘e risultate:
‘a storia (‘o dice Vico!), è semp’a stessa.

‘A partenza fuje bella da vedere,
assai chiù bella d’e migliore attese:
doje tire, doje traverse, e l’Udinese
s’è data na Zapata ncopp’e piere.

Dopp’a fiammata, ‘e cose vanno peggio,
e st’inizio ‘o pavammo caro e amaro:
segna Pepe, esce fora Cannavaro,
e pare nu miraggio, nu pareggio.

Ma ce sta ‘o Pocho: un fulmine, nu lampo,
e dopp’o lampo vene semp’o tuono:
l’entusiasmo d’o pubblico, ‘o frastuono
‘e chi le sbatte ‘e mmane ncopp’o campo!

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!