A Roberto De Zerbi,
ex giocatore del Napoli,
attuale allenatore del Palermo

Quanno stive cu nuje:
na meza zoza.
Mò c’alleni ‘e picciotti
in maglia rosa,
‘o primmo tiempo
nunn’e fatto male:
ma po’ circaste
‘o colpo eccezionale,
pirciò mettiste in campo
n’attacante.
Na strunzata:
‘o capisti sull’istante.
Al Napoli
nun l’è paruto overo,
e ‘a partita fernesce
tre a zero.
Già tanno
te credive nu campione:
pure mò t’ha futtuto
‘a presunzione,
e pe stu sbaglio
t’ammo fatto niro.
Si’ sempe tu, De Zè:
te saccio piro!

“Avite visto? Addosso al Presidente!”
Doppo Pescara – qual  è ‘a nuvità? –
quaccuno  accummenciava  a murmulià:
ce ne sta sempe troppa, ‘e chesta gente.

Muzzecatev’a lengua! Cu Montella
(ca stu Milan comunque l’ha cagnato),
‘o Napule s’è mosso: s’è scetato.
Fuje na partita overamente  bella:

Milik, e pienz’a “milk”: ‘a tazz’e latte
ca le facette ‘o fisico d’atleta:
isso nun tene ‘a panza, nu sta a dieta.
Nun song’e chile, chille ca cumbatte,

ma l’avversarie. ..‘O ffà cu na doppietta,
ca spara a tutto campo. E se dimane
arrivasse in città pure Cavani?
Nu colpo ‘rosso, ‘o pubblico l’aspetta… Leggi tutto…

Benali (o Ben Alì?
Pare  ch’è libico)
ce rialaje
n’inizio  propio  tragico.
Koulibaly è distratto,
troppo statico:
chistu Napule è abulico
e lunatico,
pirciò ‘o siconno gol
è matematico. Leggi tutto…

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!