Se sape, ‘o tiempo fuje, e nun s’arresta:
dicimm’a verità, corre parecchio.
Doppo c’aggio parlato ‘e chesta festa,
‘e poco, sì: però so’ già chiù viecchio.

Se joca ‘e pomeriggio, no di sera,
e ‘o tifo è caluruso anche in tribuna;
se rispira na bella atmosfera.
Ncopp’o campo, de squadra ce n’è una:

una soltanto. ‘O risultato è scritto,
e Mertens l’ha firmato in doje minuti.
‘O stadio esulta, mica se sta zitto.
Rastè, chest’è: baibai, tanti saluti! Leggi tutto…

A San Siro facimmo lezione:
nun tenimmo né Scala né Pioli,
ma là ncoppa c’andiamo da soli:
e pe’ l’Inter, che mazziatone!

Simme ormaje sempe chiù catalane:
‘o fraseggio, po’ dritto pe dritto.
Primm’o pubblico allucca: poi  zitto.
(“Questi qua cosa sono, marziani?”)

Interiste, facite piatà,
senza palla, né palle, né gioco.
Chi se salva è Candreva, ma è poco:
tutti a letto, ma senza magnà! Leggi tutto…

C’ho un Sassuolino int’a na scarpa,
ahi,
ca me fa overamente male
assai!,
pe sta cap’e m…brella,
ca tiene tu,
Marek, ‘a Roma
nun se piglia chiù!

Tengo na preta dint’a scarpa,
ahi!,
e pe bbia soja mo’ stammo
dint’e guaje:
Paolo Cannavà  s’adda ringrazià:
ha cundannat’o terzo posto
sta città!

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!