Tenimmo a chi nun segna, e a chi nun para.
Stu Napule è un ribotto ca nu spara:
è bello, ten’o calcio lavorato,
ma è tantu tiempo can nun vene ausato…

A nun piglià a nisciuno? Manch’e cane!
Na punta a nuje ce serve comm’o pane,
ma ‘o sanno tuttequante, anch’e bambini:
nunn’è cosa ’e Manolo Gabbiadini.

Ma/nò, nun sarraje maje na primma punta:
al massimo vaje buono comm’aggiunta…
‘E tre nanette, là, so’ troppo sicc:
se fanno vruoccole e salamilik,

ma però pe’ fa gol ce vo’ l’istinto:
ce vo’ quaccuno ca la vott’a rinto!
Maurizio, Aurè, vedite c’ata fa:
chesto fucile adda turnà a sparà!

Tuo figlio te chierette la sua maglia:
nuje t’avimmo cercato la sua testa.
Ma chi vo’ troppo, cierti vote sbaglia:
e infatti, ‘a conclusione nun fuje chesta.

E’ na serata tesa. Rompe il ghiaccio
‘o cuntatto fra Sarri ed il puntero:
‘e doje se so’ strignute in un abbraccio
ca c’è paruto autentico, sincero.

Doppo, ‘a partita. ‘O Napule è tranquillo:
‘o tene, ‘o campo. E’ curto, nunn’arretra.
Nu spara: pognarrà comm’a nu spillo.
Tene tre frecce dint’a la faretra:

so’ Mertens, Callejon e Lorenzinho,
ca nunn’e fanno, cinche metre, in tre:
però so’ buone p’arapì lu scrigno
‘e sta Juve. Buffon, attient’a te! Leggi tutto…

Kroton ed Empoli:
ultima e penultima,
‘e seguito,
‘e castiga questo Napoli.
(Si perdeva, v’o giuro,
erano cavoli).
P’ammore d’a giustizia
(e della rima),
ogge jucammo
‘a casa della prima.
‘A cient’anne
te chiamme “gioventù”,
ma nuje cu te
nun c’a facimmo chiù.
Pecchè nun t’arrepuose,
né Signora?
‘O sapimmo: sì stanca,
oltre che vecchia,
ma tu da chesta recchia
nun ce siente:
pirciò stregnimmo ‘e riente. Leggi tutto…

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!